www.StoriaFacile.net
   
 
   

Home

Newsletter

Contatti

 
       

 

 

Il secondo triumvirato

 La fine della Repubblica romana

 

 
Cosa fece Ottaviano dopo la sua nomina a console?

 

Dopo la nomina a console, Ottaviano stipulò un triumvirato con Marco Antonio e Lepido, nel 43 a.C.

 

In che cosa il secondo triumvirato si differenziò dal primo? Il secondo triumvirato non fu un accordo privato, come lo era stato il primo

Esso fu una vera e propria magistratura, infatti il triumvirato fu approvato da una legge che riuniva nelle mani dei triumviri i principali poteri politici e militari dello Stato e che affidava loro, per 5 anni, il compito di mettere a punto una nuova costituzione al fine di riportare la pace a Roma.

In questo modo si venne ad instaurare un nuovo regime che ormai non aveva più nulla a che fare con la repubblica oligarchica e che rappresentava una fase di transito tra questa e il principato.

 

Perché Ottaviano decise di stipulare il triumvirato? Ottaviano decise di stipulare il triumvirato perché le sue vittorie non erano definitive e la lotta con Marco Antonio poteva durare a lungo, mentre Bruto e Cassio si stavano riarmando e avrebbero potuto tornare a rappresentare un problema.

 

 

Qual'era l'obiettivo dei triumviri?

 

L'obiettivo dei triumviri era quello di liberarsi dei loro nemici interni ed esterni
Come, i triumviri, si liberarono dei nemici interni? I triumviri si liberarono dei nemici interni mediante delle nuove liste di proscrizione

Marco Antonio ed Ottaviano inserirono in tali liste i propri nemici: furono uccisi molti senatori, cavalieri ed uomini politici, e i loro beni vennero confiscati.

Tra costoro vi fu anche Cicerone che aveva scritto un libro difendendo le libertà repubblicane ed accusando Marco Antonio.

Si venne così a creare, a Roma, un clima di terrore.

 

Come i triumviri si liberarono dei nemici esterni? La mossa successiva dei triumviri fu quella di affrontare i principali nemici esterni, ovvero Bruto e Cassio che erano riusciti a mettere insieme alcune legioni in Oriente.

Lepido, nominato console per il 42 a.C., rimase a Roma a difendere gli interessi del triumvirato, mentre Marco Antonio e Ottaviano si recarono in Oriente.

Lo scontro con Bruto e Cassio avvenne a Filippi, in Macedonia, nel 42 a.C. 

Bruto e Cassio furono sconfitti e, non accettando il loro fallimento, si uccisero.

 

Cosa accadde dopo la battaglia di Filippi? Dopo la battaglia di Filippi, i tre triumviri si divisero i territori posseduti da Roma:
  • ad Ottaviano andarono le province occidentali;
  • a Marco Antonio quelle orientali;
  • a Lepido venne assegnata l'Africa.

 

Antonio si recò in Oriente, dove era necessario riordinare l'amministrazione provinciale. Qui si innamorò di Cleopatra e rimase ad Alessandria.

Ottaviano rientrò a Roma per tenere sotto controllo le mosse del Senato e prepararsi a conquistare il potere.

 

Cosa favorì l'ascesa al potere di Ottaviano? A favorire l'ascesa al potere di Ottaviano vi furono tre circostanze.

La prima fu il comportamento di Marco Antonio in Oriente. Il fatto che egli si fosse innamorato di Cleopatra aveva alimentato voci secondo le quali il triumviro volesse spostare la capitale in Egitto e fare della donna la regina di un nuovo impero. Questo inquietava i Romani che iniziarono a diffidare di Marco Antonio.

La seconda fu la vittoria di Ottaviano nei confronti di Sesto Pompeo, figlio di Gneo Pompeo.

Sesto Pompeo era riuscito ad occupare la Sicilia, la Sardegna e la Corsica e, pirateggiando nei mari, rendeva difficile, per Roma, il rifornimento di viveri. Egli fu sconfitto nel 35 a.C. nel mare di Sicilia.

La terza fu l'estromissione di Lepido dai giochi politici avvenuta nel 36 a.C.. Ottaviano riuscì a privarlo del governo dell'Africa lasciandogli  esclusivamente la carica di Pontefice massimo fino alla morte. In questo modo il triumvirato divenne un duumvirato.

 

Quale fu la mossa successiva di Ottaviano? Ottaviano, intenzionato a liberarsi anche di Marco Antonio e approfittando del fatto che era ormai scaduto il mandato triumvirale, convinse il Senato a togliere al rivale il comando dell'Oriente.

Inoltre, nel 32 a.C. dichiarò guerra a Cleopatra.

 

Quale fu la reazione di Marco Antonio? Marco Antonio radunò in Grecia le sue legioni e la sua flotta. A quest'ultima si unì anche una nave di Cleopatra.

 

Dove e quando avvenne lo scontro tra Ottaviano e Marco Antonio? Lo scontro tra Ottaviano e Marco Antonio avvenne, nel 31 a.C., ad Azio nelle vicinanze della costa occidentale della Grecia.

 

 

 

Come si concluse la battaglia di Azio? La battaglia di Azio si concluse la vittoria di Ottaviano.

Marco Antonio e Cleopatra si rifugiarono ad Alessandria.

Nel 30 a.C. Ottaviano invase l'Egitto. Marco Antonio, non avendo vie di fuga, si suicidò e, dopo pochi giorni anche Cleopatra si tolse la vita.

L'Egitto divenne una provincia romana.

 

Cosa segnò la vittoria di Ottaviano?

 

La vittoria di Ottaviano segnò la fine della Repubblica romana.
 

Indice argomenti sulla fine della Repubblica romana

 
 
 
 

Cos'è la storia e cosa studia

Preistoria

Sumeri - Assiri - Babilonesi

Gli Egizi

Le civiltà dell'antico oriente

Gli Ittiti

Gli Ebrei

I Fenici

I Cretesi

I Micenei

Il Medioevo ellenico

La civiltà greca

Sparta e Atene

Medi e Persiani

Atene nell'età classica

Guerra del Peloponneso

Le egemonie di Sparta e Tebe

L'egemonia macedone e l'ellenismo

Riepilogo sulle antiche civiltà

L'Italia antica e gli Etruschi

Le origini di Roma e l'età monarchica

La Repubblica romana

L'espansione di Roma in Italia

Cartagine e le guerre puniche

La crisi della repubblica romana

Da Pompeo a Giulio Cesare

La fine della Repubblica romana

Ottaviano Augusto

I successori di Augusto

La vita dei Romani

Il cristianesimo

La crisi dell'impero romano

Le invasioni barbariche e il crollo dell'impero romano d'Occidente

 

 
 

SchedeDiGeografia.net

 

LezioniDiMatematica.net

 

www.EconomiAziendale.net

 

DirittoEconomia.net

 

www.LeMieScienze.net

 

MarchegianiOnLine.net

 

 

Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore.

Le immagini presenti sul sito non hanno alcun rigore scientifico e hanno lo scopo esclusivo di favorire la comprensione dei testi.

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681