www.StoriaFacile.net
   
 
   

Home

Newsletter

Contatti

 
       
 

Antichi abitanti dell'Italia

 I popoli dell'Italia antica

 

 
Quali furono i più antichi abitanti dell'Italia?

 

Secondo gli studiosi i più antichi abitanti dell'Italia furono:
  • i Liguri;
  • i Sicani;
  • i Sardi.

 


A quali razze appartenevano queste popolazioni?

 

Queste popolazioni appartenevano a razze mediterranee.
Come vivevano queste popolazioni? Queste popolazioni vivevano di caccia e raccogliendo bacche.

Esse vivevano nelle caverne o in capanne rotonde fatte di paglia e fango.

Erano soliti seppellire i morti e non conoscevano i metalli.

 

Quando si ebbero le prime ondate migratorie in Italia?

 

Le prime ondate migratorie in Italia si ebbero verso la fine del 2000 a.C.
Quali popolazioni giunsero in Italia? In Italia giunsero popolazioni indoeuropee provenienti dal centro Europa.

Esse conoscevano l'agricoltura e l'allevamento del bestiame e lavoravano il bronzo e vivevano nelle palafitte che permettevano loro di difendersi dai nemici e dagli animali feroci. Bruciavano i cadaveri dei morti e raccoglievano le ceneri in apposite urne che venivano seppellite.

 

Dove si insediarono queste nuove popolazioni? Queste nuove popolazioni si insediarono nei pressi del lago di Garda, del lago di Como e del lago Maggiore.

In un secondo momento, forse spinte dall'arrivo di nuove popolazioni, iniziarono a spostarsi più a sud dove iniziarono a stabilirsi sulla terraferma, continuando però a costruire della palafitte i cui pali erano confittati nel terreno anziché nell'acqua. Queste abitazioni furono chiamate terramare. Sempre con lo scopo di difesa, i villaggi erano circondati da cumuli di fango e terra battuta.

 

In che cosa queste nuove popolazioni si differenziavano dalle precedenti?

 

Queste nuove popolazioni si differenziavano dalle precedenti:
  • per le loro abitazioni. Esse, infatti, vivevano nelle palafitte (prima) e nelle terramare (poi), mentre quelle precedenti vivevano in caverne o capanne;
  • per l'attività svolta. Queste popolazioni vivevano di agricoltura e allevamento e non più di caccia e raccolta di bacche;
  • perché le popolazioni precedenti seppellivano i propri morti, mentre queste li bruciavano.

 

Quando si ebbe una nuova ondata migratoria?

 

Una nuova ondata migratoria si ebbe tra il 2000 e il 1500 a.C.
Quali popolazioni giunsero in Italia? Anche in questo caso le popolazioni che giunsero in Italia erano popolazioni indoeuropee che provenivano dalla nord Europa.

 

Quali popolazioni sono designate con il nome di Italici?

 

Con il nome di Italici sono designate tutti gli invasori di origine indoeuropea che a più riprese giunsero in Italia.
Dove si insediarono queste nuove popolazioni?

 

Questa nuova popolazione giunta in Italia formò un importante insediamento a Villanova, nei pressi dell'attuale Bologna, dove sorse la prima vera e propria città italiana.

 

Quando giunsero in Italia le prime popolazioni provenienti dal  mare?

 

Tra l'VIII e il VI secolo a.C. giunsero in Italia i Greci.

Mentre le popolazioni precedenti erano arrivate tutte via terra,  attraversando le Alpi, i Greci giunsero in Italia dal mare.

Essi fondarono nell'Italia meridionale numerose colonie, tanto che questa zona prese il nome di Magna Grecia.

 

Quale fu l'ultima ondata di migrazione avutasi in Italia? L'ultima ondata di migrazione avutasi in Italia fu quella dei Celti che giunsero nel nostro paese nel IV secolo a.C. sempre attraverso le Alpi.

I Celti furono chiamati Galli da parte dei Romani.

 

Perché tante popolazioni furono attratte dall'Italia? Tante popolazioni furono attratte dall'Italia per:
  • il clima mite;
  • i terreni fertili.

 

 

Indice argomenti L'Italia antica e gli Etruschi

 
 
 
 

 

 

 
 

SchedeDiGeografia.net

 

LezioniDiMatematica.net

 

www.EconomiAziendale.net

 

DirittoEconomia.net

 

www.LeMieScienze.net

 

MarchegianiOnLine.net

 

 

Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore.

Le immagini presenti sul sito non hanno alcun rigore scientifico e hanno lo scopo esclusivo di favorire la comprensione dei testi.

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681