www.StoriaFacile.net
   
 
   

Home

Newsletter

Contatti

 
       

 

 

L'instabilità politica dell'impero romano

 Instabilità politica dell'impero romano nel III secolo d.C.

 

 
Quali furono le  conseguenze  dell'instabilità politica nell'impero romano del III secolo d.C.?

 

Il III secolo d.C. fu caratterizzato da una profonda instabilità politica nell'impero romano.

Questo portò, innanzitutto, ad un clima di grande incertezza: si pensi, in alcuni momenti, furono eletti anche più imperatori contemporaneamente.

In secondo luogo si ebbe una grande sfiducia nelle istituzioni.

 

Perché la popolazione romana si sentiva minacciata? La popolazione romana si sentiva minacciata su più fronti.

Da una parte, le province erano sempre più desiderose di autonomia tanto da arrivare, spesso, a ribellarsi a Roma. La crescente importanza delle province era dimostrata anche dal fatto che molti imperatori venivano proprio da queste.

Una seconda minaccia veniva dalle popolazioni barbariche che si trovavano lungo i confini nord-orientali e che spesso effettuavano delle incursioni nel territorio dell'impero. 

 

Quali popolazioni barbariche rappresentavano maggiormente una minaccia? Tra le popolazioni barbariche che rappresentavano maggiormente una minaccia vi erano:
  • i Germani che si spostavano verso occidente in quanto spinti da altre popolazioni dell'Europa centro-settentrionale;
  • i Goti provenienti dal Mar Baltico che, vivano in condizioni durissime ed erano attratti dalla vita dei Romani, più facile e ricca.

 

 

In che modo le incursioni dei barbari accentuarono la crisi militare dell'impero romano? Le incursioni dei barbari accentuarono la crisi militare dell'impero romano in quanto le truppe venivano spostate là dove il pericolo era più imminente. Inoltre, molto spesso, si reclutavano persone del posto che avevano tutto l'interesse a difendere la propria terra.

Anche le risorse economiche venivano, per questa ragione, spostate nelle zone di confine.

Tutto ciò contribuì ad accrescere il ruolo dell'esercito e, al tempo stesso a ridurre l'importanza di Roma.

Anche l'imperatore risiedeva sempre meno a Roma e dimorava spesso in città del Nord vicine alle zone più a rischio, in modo da poter facilmente intervenire là dove c'era bisogno.

 

 

Indice argomenti sulla crisi dell'impero romano

 
 
 
 

Cos'è la storia e cosa studia

Preistoria

Sumeri - Assiri - Babilonesi

Gli Egizi

Le civiltà dell'antico oriente

Gli Ittiti

Gli Ebrei

I Fenici

I Cretesi

I Micenei

Il Medioevo ellenico

La civiltà greca

Sparta e Atene

Medi e Persiani

Atene nell'età classica

Guerra del Peloponneso

Le egemonie di Sparta e Tebe

L'egemonia macedone e l'ellenismo

Riepilogo sulle antiche civiltà

L'Italia antica e gli Etruschi

Le origini di Roma e l'età monarchica

La Repubblica romana

L'espansione di Roma in Italia

Cartagine e le guerre puniche

La crisi della repubblica romana

Da Pompeo a Giulio Cesare

La fine della Repubblica romana

Ottaviano Augusto

I successori di Augusto

La vita dei Romani

Il cristianesimo

La crisi dell'impero romano

Le invasioni barbariche e il crollo dell'impero romano d'Occidente

 

 
 

SchedeDiGeografia.net

 

LezioniDiMatematica.net

 

www.EconomiAziendale.net

 

DirittoEconomia.net

 

www.LeMieScienze.net

 

MarchegianiOnLine.net

 

 

Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore.

Le immagini presenti sul sito non hanno alcun rigore scientifico e hanno lo scopo esclusivo di favorire la comprensione dei testi.

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681