LE CITTA' MEDIOEVALI

LO SVILUPPO DELLE CITTA' NEL BASSO MEDIOEVO

Quando e perché le città tornarono ad avere un ruolo prevalente rispetto alle campagne?

Le città tornarono ad avere un ruolo prevalente rispetto alle campagne tra il 1100 e il 1300.

Il motivo della rinascita delle città è legato ai cambiamenti verificatisi intorno all'anno mille: l'aumento della popolazione, la maggiore disponibilità di cibo, il miglioramento delle condizioni di vita, la ripresa dei traffici commerciali.

Dove sorsero le nuove città?

Le nuove città sorsero:

  • o dove erano già esistiti degli importanti centri romani, come Milano, Lione, Vienna;
  • oppure in luoghi facili da proteggere, come ad esempio in cima ad un colle oppure in una vasta pianura circondata da un fiume, ma anche nei pressi di importanti chiese.

In che cosa la città medioevale si differenziava dalla città romana?

La città medioevale era molto diversa rispetto alla città romana.

La città romana era una città costruita con un preciso ordine. Era a scacchiera con le strade che si incrociavano formando angoli retti.

Le città medioevali, invece, crescevano senza una logica precisa, in maniera disordinata, con le strade a raggera, cioè che partivano dal centro dell'agglomerato urbano e si dirigevano all'esterno, verso la campagna.

Quale era, nelle città medioevali, il ruolo delle mura di cinta?

Tutte le città medioevali erano circondate da mura di cinta: esse servivano a difendere l'abitato dagli attacchi dei feudatari o delle città vicine.

Le città sorte nei pressi di precedenti centri romani a volte riuscirono a riparare le vecchie mura, mentre altre volte le demolirono per costruirne di nuove.

Durante il giorno si poteva entrare ed uscire dalle porte della città che erano sorvegliate da uomini armati.

Al calar della sera le porte venivano chiuse e le guardie armate sorvegliavano la città dalle torri poste sulle mura.

Qual era il ruolo della piazza nella città medioevale?

Nella città medioevale, la piazza aveva un ruolo di grande importanza.

In genere, ogni città, aveva tre piazze:

  • una piazza religiosa dove sorgeva la cattedrale;
  • una piazza politica dove si trovava il municipio;
  • una piazza economica, spesso situata accanto a quella politica, dove si svolgeva il mercato.

Perché possiamo dire che vi era una contrapposizione tra campagna e città?

Possiamo dire che tra campagna e città vi era una contrapposizione per varie ragioni:

  • dentro le mura cittadine la gente si sentiva protetta, mentre in aperta campagna si era esposti ad ogni pericolo;
  • i cittadini erano uomini liberi, mentre i contadini erano servi del padrone;
  • in città si poteva commerciare liberamente mentre nelle campagne qualsiasi cosa si volesse fare (comprare o vendere beni, viaggiare, ecc...) occorreva pagare un tributo al feudatario;
  • la città era vista come luogo di civiltà, mentre la campagna era considerata incivile.

 
 
 


SchedeDiGeografia.net

LezioniDiMatematica.net

EconomiAziendale.net

DirittoEconomia.net

LeMieScienze.net

MarchegianiOnLine.net

Newsletter

Se vuoi essere informato ogni volta che il nostro sito viene aggiornato, iscriviti alla newsletter