www.StoriaFacile.net
   
 
   

Home

Newsletter

Contatti

 
       
 

La cronologia

 Cos'è la cronologia e cos'è la linea del tempo

 

 
Cos'è la cronologia?

 

Il termine cronologia viene da due parole greche:
  • krónos che significa tempo;

e

  • logìa che significa studio.

 

La cronologia è, dunque, lo studio del tempo. In altre parole essa è la scienza che si occupa di stabilire le date esatte degli avvenimenti storici e la loro successione nel tempo.

 

Come possiamo distinguere la cronologia? La cronologia può essere distinta in:
  • cronologia relativa

e

  • cronologia assoluta.

 

Che differenza c'è tra cronologia relativa e cronologia assoluta?

 

La cronologia relativa si limita a stabilire la successione temporale di due fatti storici: quale è avvenuto prima, quale dopo oppure se entrambi sono contemporanei.

La cronologia assoluta si occupa di stabilire nella maniera più precisa possibile la data di un avvenimento storico.

 

Cos'è la linea del tempo? Per avere una visione immediata di come i fatti storici si sono successi nel tempo si usa la linea del tempo.

Essa è una linea sulla quale vengono indicati i fatti storici in successione cronologica. I fatti accaduti prima sono indicati a sinistra della linea, mentre quelli accaduti dopo sono indicati a destra. La linea del tempo, quindi, ci permette di stabilire quali fatti storici sono accaduti prima, quali dopo e quali contemporaneamente.

 

Come è costruita la linea del tempo? La linea del tempo deve:
  • avere un inizio, cioè un punto di partenza;
  • deve avere una freccia che indica la direzione del tempo;
  • la distanza tra due date deve essere sempre uguale.

 

Dove inizia la linea del tempo? Per contare gli anni sulla linea del tempo occorre scegliere un punto di partenza o un punto di riferimento.

Oggi, noi usiamo come punto di riferimento la nascita di Gesù Cristo che si considera l'anno zero.

Gli anni che precedono l'anno zero sono indicati con la sigla a.C. che si legge avanti Cristo.

Gli anni che seguono l'anno zero sono indicati con la sigla d.C. che si legge dopo Cristo

La sigla a.C. deve essere sempre indicata quando si tratta di anni avanti Cristo, mentre la sigla d.C. può essere anche omessa quando si indicano anni dopo Cristo.

Esempio:

40 a.C. = 40 avanti Cristo;

1050 d.C. = 1050 = 1050 dopo Cristo (la sigla d.C. può essere omessa).

 

Gli anni prima di Cristo si contano a ritroso a differenza di quelli dopo Cristo. Ciò significa che per gli anni dopo Cristo, più il numero è alto, più esso è vicino a noi, mentre per gli anni prima di Cristo, più il numero è alto è più esso è lontano da noi.

 

La nascita di Cristo è considerato sempre l'anno di riferimento per contare il tempo? 

 

In Occidente, cioè nei paesi dell'Europa e del Nord America, oggi usiamo sempre come anno di riferimento nel contare il tempo, la nascita di Gesù, ma non è così in tutte le parti del mondo.

Ad esempio, i Mussulmani considerano come anno di riferimento la fuga di Maometto dalla Mecca avvenuto nel 622 d.C.

Gli Ebrei considerano come anno di riferimento la presunta data della creazione del mondo che secondo quando indicato nella Bibbia sarebbe avvenuta nel 3760 a.C.

I Cinesi considerano anno zero la nascita di Confucio avvenuta nel 551 a.C.

 

Prima della nascita di Gesù venivano usate altre date come anno di riferimento:

  • i Romani usavano come anno di riferimento quello della fondazione di Roma che corrisponde al nostro 753 a.C.;

 

 

Un esempio di linea del tempo

 

linea del tempo

 

Cosa permette di comprendere la linea del tempo? La linea del tempo permette di comprendere:
  • la cronologia dei fatti storici, cioè la loro successione temporale;
  • la contemporaneità dei fatti storici, cioè quali sono i fatti avvenuti contemporaneamente;
  • la durata di un fatto storico, cioè il tempo trascorso tra l'inizio e la fine del fatto storico.

 

 

 

Indice argomenti su cos'è la storia e cosa studia

 
 
 
 

 

 

 
 

SchedeDiGeografia.net

 

LezioniDiMatematica.net

 

www.EconomiAziendale.net

 

DirittoEconomia.net

 

www.LeMieScienze.net

 

MarchegianiOnLine.net

 

 

Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore.

Le immagini presenti sul sito non hanno alcun rigore scientifico e hanno lo scopo esclusivo di favorire la comprensione dei testi.

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681