IL CORANO

IL LIBRO SACRO DEI MUSSULMANI

Cos'è il Corano?

Il termine Corano significa recitazione a voce alta.

Il Corano è il libro sacro dei mussulmani.

Fu scritto dai primi discepoli di Maometto, dopo la sua morte, e riporta quelli che sono i suoi insegnamenti.

Qual è il contenuto del Corano?

Nel Corano vi sono i cinque pilastri dell'Islam a cui si affiancano una serie di norme, non solo religiose, ma anche politiche, sociali e familiari: in questo il Corano si differenzia molto dalla Bibbia che, invece, contiene solamente precetti religiosi.

Proprio per questo motivo l'islamismo non è solo una religone, ma anche un modo di concepire la vita e la società. Infatti, le prescrizioni relative ai comportamenti che il fedele deve tenere nella sua vita di ogni giorno, anche in ambito diverso da quello religioso, hanno la loro stessa importanza.

Quali altri insegnamenti sono presenti nel Corano?

Nel Corano viene detto che non è possibile raffigurare Allah in quanto Dio è troppo grande ed inafferrabile per poter essere rappresentato.

I fedeli devono essere legati da una fraterna amicizia che non va praticata solo all'interno delle varie tribù, ma riguarda tutta la umma, cioè l'intera comunità dei credenti in Allah.

Compito dei fedeli è quello di diffondere l'islamismo ricorrendo, se necessario, alla guerra santa.

Il fedele deve astenersi dal mangiare carne di maiale e dal bere bevande alcoliche.

Ogni fedele deve lavorare e guadagnare, è riconosciuta la proprietà privata, mentre sono proibite l'usura e l'infanticidio.

L'apostasia, cioè il rinnegare la propria fede per passare ad un'altra, la bestemmia e l'adulterio sono puniti con la flagellazione e la lapidazione.

Ogni mussulmano maschio può avere fino a 4 mogli: questa regola rappresentava e rappresenta tutt'ora un lusso per molti che non possono permettersi tante moglie.

Era inoltre consentita la schiavitù che oggi non è più ammessa.

Che ruolo ebbe la schiavitù nella società mussulmana?

La schiavitù fu, nella società mussulmana, una notevole fonte di guadagno: i pirati mussulmani catturavano gli schiavi sulle coste dei paesi cristiani e li rivendevano nei mercati dell'Impero arabo facendo di questo scambio una grande fonte di reddito.

Quali sono i diritti delle donne nel Corano?

Il Corano riconosce alle donne meno diritti rispetto a quelli degli uomini: esse devono vivere sottomesse dapprima al padre e successivamente al marito. Così, ad esempio, per il matrimonio non serve il suo consenso che deve essere dato, invece, dal padre della sposa. Inoltre la moglie non può divorziare, mentre l'uomo può farlo.

Che cos'è la Jihad?

La parola Jihad significa impegno, sforzo in nome di Allah e assume due diversi significati:

  • può indicare la lotta interiore che ogni mussulmano deve intraprendere contro il male;
  • può essere inteso come l'impegno con il quale i mussulmani devono diffondere l'islamismo, considerata la religione più perfetta tra tutte, all'intera umanità. Tale impegno può giungere fino alla guerra santa.

 
 
 


SchedeDiGeografia.net

LezioniDiMatematica.net

EconomiAziendale.net

DirittoEconomia.net

LeMieScienze.net

MarchegianiOnLine.net

Newsletter

Se vuoi essere informato ogni volta che il nostro sito viene aggiornato, iscriviti alla newsletter