www.StoriaFacile.net
   
 
   

Home

Newsletter

Contatti

 
       

 

 

La riforma dell'esercito da parte di Diocleziano

 Le riforme di Diocleziano

 

 
Per quale ragione Diocleziano decise di fare una riforma dell'esercito?

 

Diocleziano decide di fare una riforma dell'esercito soprattutto per la necessitÓ di rendere pi¨ sicuri i confini dell'impero, ormai troppo spesso insediati dai barbari.
In che modo Diocleziano riform˛ l'esercito?

 

Diocleziano aument˛ il numero delle legioni, tanto che le truppe furono quasi quadruplicate rispetto al passato, ma la tempo stesso esse furono divise in unitÓ pi¨ piccole.

 

In che modo Diocleziano divise l'esercito? Diocleziano divise l'esercito in due parti:
  • i limitanei, termine che deriva da limes. Essi erano posti in maniera permanente a difesa delle frontiere ed erano le truppe meno preparate. All'interno di tali truppe vi erano anche dei contingenti barbari;
  • i comitatus, truppe poste al diretto comando dell'imperatore, che formavano un esercito mobile, posto nelle retrovie e pronto ad intervenire in caso di bisogno.

 

 

Cos'era il limes? Il limes era il confine che separava il territorio dell'impero romano da quello occupato da altre popolazioni.

Spesso, il limes, era costituito da una barriera naturale come il corso di un fiume, cosa che avveniva, per esempio, con il Reno ed il Danubio. 

Dove i confini naturali non rappresentavano una difesa, ma erano facilmente, superabili, furono costruite delle fortificazioni tra loro collegate.

 

Qual era, nelle intenzioni di Dioclesiano, l'obiettivo di questa riforma? Nelle intenzioni di Dioclesiano, l'obiettivo di questa riforma era quello di rendere pi¨ sicuri i confini in modo da evitare le incursioni dei barbari.

Inoltre, il fatto che ogni Augusto e ogni Cesare avesse il proprio esercito, avrebbe reso pi¨ veloce l'intervento militare lÓ dove ce ne fosse stato bisogno.

 

Quali inconvenienti si ebbero in seguito alla riforma dell'esercito? In seguito alla riforma dell'esercito si ebbero due inconvenienti:
  • il secondo fu che, dato che ogni Augusto e ogni Cesare aveva il proprio esercito, aumentarono i rischi di scontri interni per la conquista del titolo di imperatore.

 

 

Indice argomenti sulla crisi dell'impero romano

 
 
 
 

Cos'Ŕ la storia e cosa studia

Preistoria

Sumeri - Assiri - Babilonesi

Gli Egizi

Le civiltÓ dell'antico oriente

Gli Ittiti

Gli Ebrei

I Fenici

I Cretesi

I Micenei

Il Medioevo ellenico

La civiltÓ greca

Sparta e Atene

Medi e Persiani

Atene nell'etÓ classica

Guerra del Peloponneso

Le egemonie di Sparta e Tebe

L'egemonia macedone e l'ellenismo

Riepilogo sulle antiche civiltÓ

L'Italia antica e gli Etruschi

Le origini di Roma e l'etÓ monarchica

La Repubblica romana

L'espansione di Roma in Italia

Cartagine e le guerre puniche

La crisi della repubblica romana

Da Pompeo a Giulio Cesare

La fine della Repubblica romana

Ottaviano Augusto

I successori di Augusto

La vita dei Romani

Il cristianesimo

La crisi dell'impero romano

Le invasioni barbariche e il crollo dell'impero romano d'Occidente

 

 
 

SchedeDiGeografia.net

 

LezioniDiMatematica.net

 

www.EconomiAziendale.net

 

DirittoEconomia.net

 

www.LeMieScienze.net

 

MarchegianiOnLine.net

 

 

Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicitÓ. Non pu˛ pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Il materiale presente sul sito non pu˛ essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore.

Le immagini presenti sul sito non hanno alcun rigore scientifico e hanno lo scopo esclusivo di favorire la comprensione dei testi.

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681