www.StoriaFacile.net
   
 
   

Home

Newsletter

Contatti

 
       

 

 

La terza guerra punica

 La fine di Cartagine

 

 
Quale era la situazione a Cartagine dopo la  seconda guerra punica?

 

Dopo la sconfitta subita da Cartagine nella seconda guerra punica, la città cercò di riprendere le proprie attività commerciali, riuscì a pagare il tributo imposto da Roma e a tornare ad essere al centro di traffici fiorenti.

 

Roma poteva sentirsi minacciata da Cartagine? Roma non poteva sentirsi minacciata da Cartagine dato che essa controllava tutto il Mediterraneo, mentre Cartagine non aveva più una flotta da guerra.

Però la sua ripresa si sarebbe potuta trasformare in un pericolo per il futuro.

Inoltre i suoi traffici rischiavano di fare concorrenza a quelli delle città italiche.

Molti Romani, soprattutto dei ceti mercantili, pensavano che finché Cartagine non fosse stata distrutta poteva rappresentare un pericolo. Per questo il senato romano decise di eliminare Cartagine.

 

Cosa fecero i Romani? I Romani approfittarono del fatto che il re Massinissa occupava continuamente i territori cartaginesi. Questi ultimi, esasperati da queste continue prevaricazioni gli mossero guerra senza però aver chiesto il preventivo consenso ai Romani.

Roma, allora, accusò Cartagine di non aver rispettato il trattato di pace stipulato al termine della seconda guerra punica, poiché aveva compiuto atti di guerra senza il suo consenso.

 

Quale fu la reazione di Cartagine?

 

Cartagine, per evitare la guerra con Roma, le consegnò le sue armi e cercò di venire a patti.
Roma si accontentò di quanto aveva fatto Cartagine? Roma non si accontentò di quanto aveva fatto Cartagine e chiese a tutta la popolazione cartaginese di abbandonare la città e di fondarne un'altra  nell'interno, a circa 15 km dalla costa.

Per i Cartaginesi, che vivevano di traffici marittimi, questa era una condizione durissima.

 

Cosa accadde di conseguenza?

 

Di conseguenza, i Cartaginesi accettarono lo scontro con Roma ed ebbe inizio, nel 149 a.C., la terza guerra punica che durò per ben tre anni.
Come si concluse la terza guerra punica? La terza guerra punica si concluse con la vittoria dei Romani guidati da Scipione l'Emiliano.

Cartagine fu distrutta e il suolo su cui sorgeva fu cosparso di sale in modo da rendere sterile il terreno, ad indicare che nulla doveva rinascere lì.

I Cartaginesi furono fatti schiavi e il territorio della città, nel 146 a.C., divenne la prima provincia romana in Africa. Essa prese il nome di Africa e la sua capitale era Utica.

 

Quale era l'estensione di Roma al termine delle guerre puniche e della conquista della Grecia e della Macedonia?

Territori romani dopo le guerre puniche, la conquista della Macedonia e della Grecia

 

 

Indice argomenti su Cartagine e le guerre puniche

 
 
 
 

Cos'è la storia e cosa studia

Preistoria

Sumeri - Assiri - Babilonesi

Gli Egizi

Le civiltà dell'antico oriente

Gli Ittiti

Gli Ebrei

I Fenici

I Cretesi

I Micenei

Il Medioevo ellenico

La civiltà greca

Sparta e Atene

Medi e Persiani

Atene nell'età classica

Guerra del Peloponneso

Le egemonie di Sparta e Tebe

L'egemonia macedone e l'ellenismo

Riepilogo sulle antiche civiltà

L'Italia antica e gli Etruschi

Le origini di Roma e l'età monarchica

La Repubblica romana

L'espansione di Roma in Italia

Cartagine e le guerre puniche

La crisi della repubblica romana

Da Pompeo a Giulio Cesare

La fine della Repubblica romana

Ottaviano Augusto

I successori di Augusto

La vita dei Romani

Il cristianesimo

La crisi dell'impero romano

Le invasioni barbariche e il crollo dell'impero romano d'Occidente

 

 
 

SchedeDiGeografia.net

 

LezioniDiMatematica.net

 

www.EconomiAziendale.net

 

DirittoEconomia.net

 

www.LeMieScienze.net

 

MarchegianiOnLine.net

 

 

Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore.

Le immagini presenti sul sito non hanno alcun rigore scientifico e hanno lo scopo esclusivo di favorire la comprensione dei testi.

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681