www.StoriaFacile.net
   
 
   

Home

Newsletter

Contatti

 
       

 

 

Gli Unni

 L'arrivo degli Unni in Italia

 

 
Chi erano gli Unni? Gli Unni erano una popolazione di stirpe mongolica formata da cavalieri nomadi che vivevano nelle steppe dell'Asia centrale.

 

Chi era il loro capo? A guidare gli Unni c'era Attila, uomo estremamente violento, denominato per questa ragione flagello di dio. Egli era però anche un validissimo condottiero.

 

Quali territori erano stati conquistati da Attila? Attila era riuscito a conquistare un territorio estremamente vasto che comprendeva tutta la Russia meridionale e il bacino del Danubio.

Aveva sottomesso molte popolazioni germaniche, mentre altre erano fuggite invadendo l'impero romano.

 

Qual era l'organizzazione sociale degli Unni? Gli Unni erano organizzati in tribù che a loro volta si dividevano in clan costituiti da gruppi di famiglie.

Erano guerrieri molto abili e ottimi cavalieri. Avevano un arco piuttosto piccolo che usavano con estrema precisione e riuscivano a tirare anche mentre cavalcavano con il corpo rivolto all'indietro.

Le loro regole erano molto severe: se qualcuno tra loro commetteva un furto o un altro atto violento veniva punito con la morte.

 

Quando gli Unni varcarono il Reno e con quale intenzione? Nel 451 gli Unni varcarono il Reno icon l'intenzione di conquistare la Gallia.

Essi portarono ovunque morte e devastazione.

Gli Unni

 

Cosa accadde durante il loro cammino verso la Gallia?

 

Durante il loro cammino verso la Gallia, presso i Campi Catalanici, Attila fu fermato dal generale romano Ezio che era riuscito a radunare un esercito abbastanza numeroso formato soprattutto da Germani.

 

Quale fu la mossa successiva di Attila?

 

La mossa successiva di Attila fu quella di dirigersi verso l'Italia dove l'esercito romano era poco numeroso e, di conseguenza, era facilmente battibile.
Dove si diressero gli Unni in Italia? In Italia gli Unni si diressero inizialmente ad Aquileia, nell'attuale Friuli. Qui gli abitanti trovarono rifugio nelle isole e fondarono una prima base della città di Venezia.

Successivamente si diressero verso Milano e Pavia, che saccheggiarono e distrussero.

A questo punto, nel 452, si fermarono ai pressi di Ravenna.

 

Cosa accadde a Ravenna? Secondo la tradizione, a Ravenna, Attila incontrò papa Leone I che riuscì a convincerlo a ritirarsi, probabilmente offrendo in cambio oro e argento.

Molto più fondata, però, sembrerebbe la tesi secondo la quale gli Unni si ritirarono perché molte epidemie li stavano decimando, inoltre Ezio, con il suo esercito si stava avvicinando.

Gli Unni, così, riattraversarono il Danubio per non tornare mai più in Italia.

 

Cosa accadde alcuni anni dopo?

 

Alcuni anni dopo Attila morì e i suoi possedimenti andarono divisi.
 

Indice argomenti su invasioni barbariche e crollo impero romano d'Occidente

 
 
 
 

Cos'è la storia e cosa studia

Preistoria

Sumeri - Assiri - Babilonesi

Gli Egizi

Le civiltà dell'antico oriente

Gli Ittiti

Gli Ebrei

I Fenici

I Cretesi

I Micenei

Il Medioevo ellenico

La civiltà greca

Sparta e Atene

Medi e Persiani

Atene nell'età classica

Guerra del Peloponneso

Le egemonie di Sparta e Tebe

L'egemonia macedone e l'ellenismo

Riepilogo sulle antiche civiltà

L'Italia antica e gli Etruschi

Le origini di Roma e l'età monarchica

La Repubblica romana

L'espansione di Roma in Italia

Cartagine e le guerre puniche

La crisi della repubblica romana

Da Pompeo a Giulio Cesare

La fine della Repubblica romana

Ottaviano Augusto

I successori di Augusto

La vita dei Romani

Il cristianesimo

La crisi dell'impero romano

Le invasioni barbariche e il crollo dell'impero romano d'Occidente

 

 
 

SchedeDiGeografia.net

 

LezioniDiMatematica.net

 

www.EconomiAziendale.net

 

DirittoEconomia.net

 

www.LeMieScienze.net

 

MarchegianiOnLine.net

 

 

Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore.

Le immagini presenti sul sito non hanno alcun rigore scientifico e hanno lo scopo esclusivo di favorire la comprensione dei testi.

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681