www.StoriaFacile.net
   
 
   

Home

Newsletter

Contatti

 
       

 

 

La riforma dell'esercito di Augusto

 Esercito permanente di professionisti

 

 
In cosa consisteve la riforma dell'esercito effettuata da Augusto? La riforma dell'esercito effettuata da Augusto riguardò:
  • il sistema di arruolamento;
  • la riduzione del numero delle legioni;
  • l'attribuzione di un salario ai soldati;
  • la costituzione di un corpo speciale quello dei pretoriani.

 

 

Come cambiò il sistema di arruolamento sotto Augusto? Sotto Augusto cambiò il sistema di arruolamento poiché questo divenne volontario

Ai tempi della monarchia il servizio militare era obbligatorio, ma non permanente.

Il re Servio Tullio aveva escluso della milizia i nullatenenti

Successivamente, durante la crisi della repubblica romana, Caio Mario, per far fronte alla difficoltà di reperire soldati, aveva previsto l'arruolamento volontario e retribuito dei proletari. I proletari potevano entrare nell'esercito e restarvi per 16 anni.

Con Augusto l'esercito diventa esclusivamente un esercito permanente di professionisti e non esiste più la figura del cittadino-soldato, cioè del cittadino che era tenuto a combattere.

 

Tutti potevano arruolarsi? Chiunque lo desiderava, e aveva i requisiti fisici, poteva arruolarsi, anche gli uomini delle province. Questi restavano di stanza nella loro zona: così facendo Augusto volle spingere le famiglie meno abbienti a far arruolare i propri figli. 

I posti di comando continuarono ad essere affidati alle classi superiori, mentre i quadri delle legioni provenivano dall'Italia.

 

Cosa spettava ai veterani al termine del servizio militare?

 

Ai veterani, al termine del servizio militare, spettava un pezzo di terreno.

Coloro che provenivano dalle province acquisivano anche la cittadinanza romana.

 

Come cambiò la durata della permanenze nell'esercito? La durata della permanenza nell'esercito fu portata:
  • a 20 anni per la fanteria;
  • a 10 anni per la cavalleria.

 

Come fu ridotto il numero dei militari da Augusto? L'esercito aveva assunto delle proporzioni eccessive: vi erano più di 60 legioni.

Augusto ridusse le legioni a 25.

Ogni legione era formata da 6.000 uomini.

 

Perché Augusto ritenne opportuno pagare un salario ai soldati? Augusto pensava che, pagando un regolare salario ai soldati, questi non avrebbero più avuto bisogno di saccheggiare le città conquistate per procurasi un bottino.

Inoltre la sua riforma prevedeva il riconoscimento di un premio al momento dell'arruolamento e uno al momento del congedo, oltre a dei doni periodici.

 

Quale corpo speciale fu istituto da Augusto? Augusto istituì il corpo speciale denominato coorti pretorie o corpo dei pretoriani.

Tale corpo era formato da 9.000 soldati scelti, il cui compito era quello di proteggere l'imperatore.

I pretoriani percepivano una paga superiore rispetto a quella dei legionari ed erano guidati da un prefetto scelto direttamente dall'imperatore tra i cavalieri.

Essi rappresentavano un potente strumento nelle mani di Augusto.

 

 

Indice argomenti su Ottaviano Augusto

 
 
 
 

Cos'è la storia e cosa studia

Preistoria

Sumeri - Assiri - Babilonesi

Gli Egizi

Le civiltà dell'antico oriente

Gli Ittiti

Gli Ebrei

I Fenici

I Cretesi

I Micenei

Il Medioevo ellenico

La civiltà greca

Sparta e Atene

Medi e Persiani

Atene nell'età classica

Guerra del Peloponneso

Le egemonie di Sparta e Tebe

L'egemonia macedone e l'ellenismo

Riepilogo sulle antiche civiltà

L'Italia antica e gli Etruschi

Le origini di Roma e l'età monarchica

La Repubblica romana

L'espansione di Roma in Italia

Cartagine e le guerre puniche

La crisi della repubblica romana

Da Pompeo a Giulio Cesare

La fine della Repubblica romana

Ottaviano Augusto

I successori di Augusto

La vita dei Romani

Il cristianesimo

La crisi dell'impero romano

Le invasioni barbariche e il crollo dell'impero romano d'Occidente

 

 
 

SchedeDiGeografia.net

 

LezioniDiMatematica.net

 

www.EconomiAziendale.net

 

DirittoEconomia.net

 

www.LeMieScienze.net

 

MarchegianiOnLine.net

 

 

Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore.

Le immagini presenti sul sito non hanno alcun rigore scientifico e hanno lo scopo esclusivo di favorire la comprensione dei testi.

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681