LE CITTA' ETRUSCHE

L'ASPETTO DELLE CITTA' ETRUSCHE

Quale fu un importante contributo dato dagli Etruschi alla nostra civiltà?

Un importante contributo dato dagli Etruschi alla nostra civiltà è stata la costruzione delle prime vere e proprie città realizzate in pietra e mattoni crudi.

Dove sorgevano le città etrusche?

Le città etrusche sorgevano su dei colli.

Questa localizzazione consentiva agli Etruschi:

  • di difendersi più facilmente dagli attacchi dei nemici;
  • di vivere in un ambiente più sano rispetto alle pianure dove spesso dilagavano le paludi e le malattie come la malaria.

In genere, le città, erano costruite in punti strategici o in località particolarmente adatte per lo sviluppo delle attività mercantili, agricole e minerarie.

Quali regole rispettavano gli Etruschi quando costruivano una nuova città?

Quando costruivano una nuova città gli Etruschi rispettavano una serie di regole:

  • il solco che definiva il perimetro della città doveva essere tracciato da un sacerdote;
  • egli doveva usare un aratro di rame trainato da una coppia di buoi bianchi;
  • la città doveva avere una pianta regolare formata dall'incrocio di strade che avevano tutte direzione:
    • da nord a sud, e in questo caso prendevano il nome di cardo;
    • da est ad ovest, e si chiamavano decumano.

Questa struttura delle città fu ripresa anche dai Romani.

Cosa circondava la città?

La città era circondata da mura che avevano lo scopo di difenderla.

Esse erano realizzate in tufo, una roccia di origine vulvanica molto abbondante nella zona. A queste rocce veniva data la forma di un parallelepipedo.

Nelle mura venivano aperte delle porte ad arco, ovvero delle porte con una struttura ad arco semicircolare: questa fu una importante innovazione apportata dagli Etruschi che permise di realizzare grandi aperture nelle costruzioni, garantendone la solidità.

Quale fu l'uso successivo dell'arco in architettura?

I Romani fecero un grande uso dell'arco.

Dopo di loro l'arco fu usato in tutto il mondo nella costruzione di ponti, chiese, case.

Con le nuove tecniche di costruzione, basate sul cemento armato e sull'acciaio, l'uso dell'arco è stato abbandonato.

Cosa c'era al centro della città?

Al centro della città veniva scavato un pozzo molto profondo che veniva coperto con una lastra di pietra.

Esso rappresentava il legame esistente tra il mondo dei vivi e quello dei morti.

Oltre a questo pozzo centrale ve ne erano altri che garantivano alla città il rifornimento di acqua.

Dove sorgevano i templi?

I templi sorgevano nella parte alta della città.

Che aspetto avevano le case?

Le case erano rettangolari e le stanze avevano colori vivaci.

I tetti venivano coperti con tegole ottenute dalla terracotta.

All'interno delle case vi erano letti, tavoli, sedie. Tessuti e vasi addobbavano le abitazioni.

Che aspetto avevano le strade?

Le strade interne erano piuttosto ampie ed erano fiancheggiate da un marciapiede per i pedoni.

Esse venivano realizzate in terra battuta.

Quando, una città, si considerava fondata?

Una città si considerava fondata quando i templi, le strade e le porte erano state consacrate.

 
 
 


SchedeDiGeografia.net

LezioniDiMatematica.net

EconomiAziendale.net

DirittoEconomia.net

LeMieScienze.net

MarchegianiOnLine.net

Newsletter

Se vuoi essere informato ogni volta che il nostro sito viene aggiornato, iscriviti alla newsletter