www.StoriaFacile.net
   
 
   

Home

Newsletter

Contatti

 
       

 

 

L'accampamento romano 

 Il castrum

 

 
Come veniva chiamato l'accampamento romano?

 

L'accampamento romano veniva chiamato castrum.
Quale era la forma dell'accampamento romano? L'accampamento romano aveva la forma di un quadrato o di un rettangolo

Innanzitutto i Romani spianavano il terreno, se ce n'era bisogno. Poi scavavano un fossato tutto intorno all'accampamento, che aveva una funzione difensiva. Quindi alzavano, lungo il perimetro, una palizzata fatta di tronchi.

All'interno venivano disposte, ordinatamente, le tende.

Ai lati erano collocate le macchine da lancio, sempre pronte per essere usate.

Ad ogni lato dell'accampamento veniva creata una via di uscita da usare, in caso di emergenza, per la fuga degli animali e dei soldati. Da queste vie di uscita partivano due vie principali che si incrociavano tra loro in modo da dividere l'accampamento in quattro grandi rettangoli. Vi erano poi altre strade ordinate che dividevano questi quattro grandi rettangoli in aree più piccole.

Le due vie principali erano chiamate cardo e decumano. Il punto di incontro di queste due vie era il centro dell'accampamento detto forum, una piazza circondata dagli alloggi degli ufficiali più importanti.  

La tenda del comandante era posta al centro ed era ben distinta da quella dei legionari.

Sempre al centro dell'accampamento c'era l'altare per i sacrifici.

 

Accampamento romano

 

Perché possiamo dire che l'accampamento romano aveva l'aspetto di una vera e propria città? Possiamo dire che l'accampamento romano aveva l'aspetto di una vera e propria città perché in essa vi era:
  • un posto destinato al mercato
  • un altro dove gli artigiani riparavano le armi;
  •  un altro ancora destinato al tribunale dove, il comandante e i tribuni, giudicavano i contrasti tra i soldati.

 

I Romani impiegavano molto tempo per costruire gli accampamenti?

 

I Romani non impiegavano molto tempo per costruire gli accampamenti sia perché vi lavoravano in molti e poi perché erano abituati a questo tipo di lavoro.
Perché i Romani davano molta importanza ai loro accampamenti? I Romani davano molta importanza ai loro accampamenti perché erano consapevoli che, in territorio nemico, un grave rischio era rappresentato da possibili irruzioni sulle truppe accampate.

Per questo essi disponevano l'accampamento con molto ordine e precisione sia per preparasi ad eventuali lunghe permanenze, sia quando prevedevano di restare stanziati in una zona per poco tempo.

 

 

Indice argomenti sulla vita dei Romani

 
 
 
 

Cos'è la storia e cosa studia

Preistoria

Sumeri - Assiri - Babilonesi

Gli Egizi

Le civiltà dell'antico oriente

Gli Ittiti

Gli Ebrei

I Fenici

I Cretesi

I Micenei

Il Medioevo ellenico

La civiltà greca

Sparta e Atene

Medi e Persiani

Atene nell'età classica

Guerra del Peloponneso

Le egemonie di Sparta e Tebe

L'egemonia macedone e l'ellenismo

Riepilogo sulle antiche civiltà

L'Italia antica e gli Etruschi

Le origini di Roma e l'età monarchica

La Repubblica romana

L'espansione di Roma in Italia

Cartagine e le guerre puniche

La crisi della repubblica romana

Da Pompeo a Giulio Cesare

La fine della Repubblica romana

Ottaviano Augusto

I successori di Augusto

La vita dei Romani

Il cristianesimo

 

 
 

SchedeDiGeografia.net

 

LezioniDiMatematica.net

 

www.EconomiAziendale.net

 

DirittoEconomia.net

 

www.LeMieScienze.net

 

MarchegianiOnLine.net

 

 

Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore.

Le immagini presenti sul sito non hanno alcun rigore scientifico e hanno lo scopo esclusivo di favorire la comprensione dei testi.

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681