www.StoriaFacile.net
   
 
   

Home

Newsletter

Contatti

 
       

 

 

L'educazione degli Spartiati

 Come venivano educati gli Spartiati

 

 
Com'era l'educazione spartana?

 

L'educazione spartana era estremamente rigida

Tale educazione riguardava gli Spartiati.

Cosa accadeva alla nascita di uno Spartiata?

 

Alla nascita di uno Spartiata gli anziani verificavano che fosse sano

Se il bambino aveva qualche difetto veniva gettato da una rupe del monte Taigèto.

Cosa accadeva all'età di sette anni? All'età di sette anni il bambino lasciava la famiglia per andare a vivere in un campo militare insieme ai suoi coetanei.

L'educazione dei fanciulli aveva come obiettivo quello di infondere in essi l'amore per le armi e lo spirito di sacrificio

Nei campi militari i ragazzi imparavano a sopportare la fame e la sete; il caldo, il freddo e la pioggia; a camminare scalzi, a dormire per terra. Erano abituati a lunghe marce, a sopportare il dolore e a non avere pietà per i nemici e ad obbedire sempre.

Gli Spartiati allenavano duramente il corpo, mentre non dedicavano molto tempo all'educazione della mente: essi si limitavano a imparare a leggere, scrivere e contare.

 

Quando entravano nell'esercito?

 

A venti anni entravano nell'esercito e vi rimanevano fino a sessanta anni

Nei primi dieci anni di servizio vivevano sempre nell'accampamento, mentre successivamente avevano l'obbligo di partecipare una volta al giorno ai sissizi, ovvero alle mense sociali. Lo scopo di questi pasti in comune era quello di favorire il formarsi di uno spirito cameratesco. Ogni Spartiata dava una somma fissa in denaro o in alimenti per la preparazione di tali pasti.

Gli Spartiati dovevano essere sempre pronti a combattere in qualsiasi momento ce ne fosse stato bisogno. Non avevano la necessità di lavorare per vivere perché la loro terra veniva lavorata dagli Iloti.

Non erano desiderosi di arricchirsi, né amavano il lusso e le comodità che consideravano delle mollezze non degne di un uomo vero.

 

Qual era il ruolo delle donne Spartiate? Il ruolo principale delle donne Spartiate era quello della maternità.

Anche le donne ricevevano un'educazione fisica. Esse gareggiavano tra loro nella corsa, in prove di forza, praticavano il lancio del giavellotto e del disco: questo perché si pensava che solamente se entrambi i genitori fossero stati robusti e forti sarebbero nati figli altrettanto robusti e forti. 

Le donne erano educate ad apprezzare la forza fisica dei mariti e dei figli e il loro coraggio fino a preferire la loro morte piuttosto che saperli sconfitti o addirittura vigliacchi.

 

 

 Indice argomenti su Sparta e Atene

 
 
 
 

Cos'è la storia e cosa studia

Preistoria

Sumeri - Assiri - Babilonesi

Gli Egizi

Le civiltà dell'antico oriente

Gli Ittiti

Gli Ebrei

I Fenici

I Cretesi

I Micenei

Il Medioevo ellenico

La civiltà greca

Sparta e Atene

Medi e Persiani

Atene nell'età classica

Guerra del Peloponneso

Le egemonie di Sparta e Tebe

L'egemonia macedone e l'ellenismo

Riepilogo sulle antiche civiltà

L'Italia antica e gli Etruschi

Le origini di Roma e l'età monarchica

La Repubblica romana

L'espansione di Roma in Italia

Cartagine e le guerre puniche

La crisi della repubblica romana

Da Pompeo a Giulio Cesare

La fine della Repubblica romana

Ottaviano Augusto

I successori di Augusto

La vita dei Romani

Il cristianesimo

La crisi dell'impero romano

Le invasioni barbariche e il crollo dell'impero romano d'Occidente

 

 
 

SchedeDiGeografia.net

 

LezioniDiMatematica.net

 

www.EconomiAziendale.net

 

DirittoEconomia.net

 

www.LeMieScienze.net

 

MarchegianiOnLine.net

 

 

Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore.

Le immagini presenti sul sito non hanno alcun rigore scientifico e hanno lo scopo esclusivo di favorire la comprensione dei testi.

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681