www.StoriaFacile.net
   
 
   

Home

Newsletter

Contatti

 
       

 

 

L'organizzazione dell'impero romano

 Province senatorie e province imperiali

 

 
Come si estese l'impero sotto Augusto? Sotto Augusto l'impero si estese:
  • al Nord della Spagna;

.

Le conquiste di Augusto

Il Reno e il Danubio rappresentarono il limite estremo dell'estensione dell'impero romano in Europa. 

 

Ci furono tentativi, da parte di Augusto, di estendere i confini dell'impero al di là del Reno? Il tentativo, da parte di Augusto, di estendere i confini dell'impero romano al di là del Reno andò fallito.

Al fine di allontanare i Germani che premevano sul Reno, le legioni  romane, comandate da Quintilio Varo, oltrepassarono il fiume. Esse, però, furono sorprese e annientate nella selva di Teutoburgo da Arminio, principe germanico nel 9 d.C.

 

Come erano considerate le province al tempo di Augusto?

 

Al tempo di Augusto, le province non erano considerate come territori  conquistati da assegnare a uomini potenti affinché potessero arricchirsi, bensì esse vennero amministrate con equità.

Augusto desiderava che tutti i popoli dell'impero vedessero in Roma, non una dominatrice, bensì una guida.

Ciò nonostante le province erano tenute al pagamento dei tributi, a differenza dei cittadini romani.

 

Chi era a capo di ogni provincia? A capo di ogni provincia vi era un governatore.

 

 

Come erano trattati i governatori e i funzionari delle province?

 

I governatori e i funzionari delle province erano ben pagati, ma anche controllati con molta inflessibilità per evitare soprusi sulle popolazioni. 
Quanti tipi di province vi erano durante l'impero di Augusto? Durante l'impero di Augusto vi erano due tipi di province:
  • le province senatorie;
  • le province imperiali.

 

Le province senatorie erano istituite in zone controllate da tempo dai Romani, dove non vi erano particolari problemi. Per questo motivo, qui non c'era bisogno dello stanziamento di legioni. Esse erano rette dai proconsoli nominati dal Senato.  

Le province imperiali,  a differenza delle province senatorie, non erano del tutto tranquille. Spesso, si trattava di province poste ai confini. Di conseguenza, qui, erano impiegate molte legioni romane. Esse erano rette da ex consoli ed ex pretori scelti direttamente da Augusto. I tributi derivanti da queste province erano di proprietà dell'imperatore e non finivano nelle casse dello Stato.

 

Le province romane al tempo di Augusto

 

In cosa consisteva l'incarico proconsolare di Augusto? Ad Augusto era stato assegnato l'incarico proconsolare di tutti i territori sottomessi. 

Questo incarico gli attribuiva il controllo di tutte le province, sia quelle senatorie che quelle imperiali. In pratica egli aveva un'autorità superiore rispetto a quella dei governatori che reggevano le province.

 

 

Indice argomenti su Ottaviano Augusto

 
 
 
 

Cos'è la storia e cosa studia

Preistoria

Sumeri - Assiri - Babilonesi

Gli Egizi

Le civiltà dell'antico oriente

Gli Ittiti

Gli Ebrei

I Fenici

I Cretesi

I Micenei

Il Medioevo ellenico

La civiltà greca

Sparta e Atene

Medi e Persiani

Atene nell'età classica

Guerra del Peloponneso

Le egemonie di Sparta e Tebe

L'egemonia macedone e l'ellenismo

Riepilogo sulle antiche civiltà

L'Italia antica e gli Etruschi

Le origini di Roma e l'età monarchica

La Repubblica romana

L'espansione di Roma in Italia

Cartagine e le guerre puniche

La crisi della repubblica romana

Da Pompeo a Giulio Cesare

La fine della Repubblica romana

Ottaviano Augusto

I successori di Augusto

La vita dei Romani

Il cristianesimo

La crisi dell'impero romano

Le invasioni barbariche e il crollo dell'impero romano d'Occidente

 

 
 

SchedeDiGeografia.net

 

LezioniDiMatematica.net

 

www.EconomiAziendale.net

 

DirittoEconomia.net

 

www.LeMieScienze.net

 

MarchegianiOnLine.net

 

 

Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore.

Le immagini presenti sul sito non hanno alcun rigore scientifico e hanno lo scopo esclusivo di favorire la comprensione dei testi.

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681