L'ORGANIZZAZIONE DEL SACRO ROMANO IMPERO

COME ERA ORGANIZZATO L'IMPERO CAROLINGIO

Come era organizzato, dal punto di vista amministrativo, il Sacro Romano Impero?

Dal punto di vista amministrativo il Sacro Romano Impero era diviso in:

  • contee;
  • marche;
  • ducati.

Cosa erano le contee e da chi erano governate?

Le contee erano dei territori di varia estensione che seguivano, dove possibile, la divisione delle antiche province romane.

A capo delle contee vi erano i conti.

Essi venivano scelti tra le più importanti famiglie aristocratiche.

I conti dovevano fedeltà ed obbedienza all'imperatore.

Cose erano le marche e da chi erano governate?

Le marche erano dei territori di confine più esposti ad eventuali attacchi dei nemici.

Per questa ragione erano fortificate e su questi territori vi era una forte presenza di guarnigioni.

Le marche erano governate dai marchesi i quali erano ufficiali che dipendevano direttamente dall'imperatore.

Le marche erano dotate di una maggiore autonomia rispetto alle contee in modo da poter agire tempestivamente in caso di attacchi esterni.

Cosa erano i ducati e da chi erano governati?

I ducati si affiancavano alle contee e alle marche ed erano regioni di recente conquista, dove vivevano popolazioni con una forte identità. Tali regioni, quindi, non erano del tutto assimilate alle altre aree dell'impero.

Furono dei ducati, ad esempio, la Baviera e la Borgogna.

A capo dei ducati vi erano i duchi.

Chi erano i missi dominici?

Il termine missi dominici significa inviati del signore. Essi erano funzionari ai quali spettava il compito di controllare contee e marche.

Venivano nominati da Carlo Magno in coppia, uno era laico e l'altro ecclesiastico, e riferivano direttamente al sovrano.

Essi venivano inviati nelle varie regioni con lo scopo di ispezionare, controllare, ascoltare le proteste: la loro figura fu istituita dall'imperatore con lo scopo di evitare che conti, marchesi e duchi potessero approfittare del loro potere rendendo, le loro terre, sempre più autonome.

I missi dominici, giunti nella regione che dovevano sottoporre a controllo, convocavano un'assemblea alla quale partecipavano i conti, i vescovi e gli altri funzionari della zona.

In cosa consisteva il potere di banno e a chi spettava?

Il potere di banno consisteva nel potere di:

  • emettere ordini;
  • stabilire divieti;
  • imporre tasse;
  • amministrare la giustizia.

Questo potere spettava a conti, marchesi e duchi.

Cosa erano i capitolari?

I capitolari erano leggi scritte che venivano emanate durate delle assemblee periodiche alle quali partecipavano:

  • il sovrano;
  • i principali capi ecclesiastici;
  • i più importanti aristocratici.

Cos'era il campo di maggio?

Il campo di maggio era un'assemblea formata da nobili guerrieri durante la quale venivano prese decisioni soprattutto di carattere militare.

Cos'era il potere di eribanno e a chi spettava?

Il potere di eribanno consisteva nel potere di radunare l'esercito.

Tale potere spettava al sovrano.

Chiunque non rispettava l'ordine del re era tenuto a pagare una cospicua multa.

 
 
 


SchedeDiGeografia.net

LezioniDiMatematica.net

EconomiAziendale.net

DirittoEconomia.net

LeMieScienze.net

MarchegianiOnLine.net

Newsletter

Se vuoi essere informato ogni volta che il nostro sito viene aggiornato, iscriviti alla newsletter