www.StoriaFacile.net
   
 
   

Home

Newsletter

Contatti

 
       

 

 

Le vittorie di Annibale nella seconda guerra punica

 La battaglia della Treglia e quella di Canne

 

 
Cosa fece Annibale una volta arrivato in Italia? Una volta arrivato in Italia, Annibale non fu in condizioni di puntare subito su Roma: il suo esercito era stanco per la fatica di superare le Alpi: questa impresa, infatti, era durata per mesi. 

Così Annibale preferì, fermarsi nell'Italia settentrionale, dove si alleò con i Galli.

 

Quando si scontrarono Romani e Cartaginesi? Il primo scontro tra Romani e Cartaginesi si ebbe presso il Ticino e si risolse con la sconfitta dei Romani.

Nel 218 a.C. i Romani furono sconfitti nuovamente nella battaglia della Trebbia.

Infine, nel 217 a.C.,  i Romani furono sconfitti ancora sul lago Trasimeno.

 

Come si rivelarono le aspettative di Annibale circa un'alleanza con i popoli italici?

 

Le aspettative di Annibale, convinto che i popoli italici si sollevassero contro Roma, si rivelarono non realistiche perché le città italiche non si schierarono contro Roma anzi, continuarono a fornire soldati ai Romani.
Cosa dimostrò questo fatto? Questo fatto dimostrò che l'amministrazione di Roma era stata molto saggia.
Cosa decise di fare, allora, Annibale?

 

Annibale, non se la sentì ancora di attaccare direttamente Roma e decise di girare al largo e dirigersi verso l'Italia meridionale.
Come pensava, Roma, di evitare l'attacco alla città? A Roma vi erano due diverse correnti di pensiero su come evitare l'attacco alla città.

Quinto Fabio Massimo, nominato dittatore era propenso alla prudenza. Egli si limitò a controllare da lontano le mosse dei Cartaginesi, senza scendere in battaglia e lasciando che il nemico si stancasse nel suo girovagare. Per questo motivo egli fu chiamato in modo dispregiativo il Temporeggiatore.

Questa sua tattica non era condivisa da tutti, anche perché i cittadini impegnati nell'esercito erano preoccupati perché i Cartaginesi avrebbero devastato i loro campi, mentre loro rimanevano fermi negli accampamenti senza poter combattere.

Allo scadere del mandato di Fabio Massimo, furono eletti consoli Lucio Emilio Paolo e Gaio Terenzio Varrone, i quali preferirono scontrarsi con Annibale a Canne in Puglia. Qui, nonostante l'esercito romano fosse di gran lunga più numeroso rispetto a quello Cartaginese, i Romani subirono l'ennesima sconfitta nel 216 a.C. Fu una sconfitta disastrosa, con moltissimi morti e prigionieri tra i Romani. 

Ma la seconda guerra punica non era ancora terminata.

 

 

Indice argomenti su Cartagine e le guerre puniche

 
 
 
 

Cos'è la storia e cosa studia

Preistoria

Sumeri - Assiri - Babilonesi

Gli Egizi

Le civiltà dell'antico oriente

Gli Ittiti

Gli Ebrei

I Fenici

I Cretesi

I Micenei

Il Medioevo ellenico

La civiltà greca

Sparta e Atene

Medi e Persiani

Atene nell'età classica

Guerra del Peloponneso

Le egemonie di Sparta e Tebe

L'egemonia macedone e l'ellenismo

Riepilogo sulle antiche civiltà

L'Italia antica e gli Etruschi

Le origini di Roma e l'età monarchica

La Repubblica romana

L'espansione di Roma in Italia

Cartagine e le guerre puniche

La crisi della repubblica romana

Da Pompeo a Giulio Cesare

La fine della Repubblica romana

Ottaviano Augusto

I successori di Augusto

La vita dei Romani

Il cristianesimo

La crisi dell'impero romano

Le invasioni barbariche e il crollo dell'impero romano d'Occidente

 

 
 

SchedeDiGeografia.net

 

LezioniDiMatematica.net

 

www.EconomiAziendale.net

 

DirittoEconomia.net

 

www.LeMieScienze.net

 

MarchegianiOnLine.net

 

 

Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore.

Le immagini presenti sul sito non hanno alcun rigore scientifico e hanno lo scopo esclusivo di favorire la comprensione dei testi.

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681